1986 – 1987 IL GIOCO DELL’ACQUA E DELLA LUCE

 

Alessandro Pultrone autore del GIOCO DELL'ACQUA E DELLA LUCE per ACEA distribuito nelle scuole di Roma

1986 – 1987 IL GIOCO DELL’ACQUA E DELLA LUCE – per l’A.C.E.A. gioco da tavolo Edito dalla Tele Service Italiana nel 1986 e ancora nel 1987

Agli inizi dell’85 Ivano Selli (giornalista e proprietario della Tele Service Italiana) cerca chi possa scrivergli un teleromanzo per la RAI. Manuela Guzzardi (programmista regista RAI) gli presenta Alessandro Pultrone.  L’autore scriverà un soggetto (?) che il consiglio di amministrazione RAI passerebbe se i costi fossero contenuti. Ivano immagina di realizzare lo sceneggiato “con quello che ha in casa”, ma quando l’artista vede i mezzi e lo studio di cui dispone, si rende conto e gli dimostra che la TSI non ha i mezzi necessari alla produzione in proprio. Realizzare lo sceneggiato sarebbe comunque possibile ma il guadagno non sarebbe stato quello previsto da Selli, che preferirà lasciar cadere la cosa. Prima dell’estate, mentre l’iter con la RAI è agli inizi, Selli assume l’artista come responsabile della produzione e del settore cultura.

Nei due anni a seguire Alessandro Pultrone propone e realizza spot  e campagne pubblicitarie, istituzionali e no, operazioni editoriali come e “Il gioco dell’acqua e della luce” ma soprattutto il quindicinale “TSI informazione” (per il quale, per anni, la TSI otterrà un notevole contributo istituzionale), manifestazioni, scenografie (tra cui quella di “amministratori e Cittadini”) fino ai … manifesti. Suoi anche molti dei servizi che giornalmente la Teleservice realizzava per poi distribuirli ai circuiti delle televisioni private. Dopo due anni l’artista lascia la TeleServiceItaliana.

Alessandro Pultrone autore del GIOCO DELL'ACQUA E DELLA LUCE per le scuole di Roma acea    Pultrone pittore Corsica

“Quei 2 anni mi insegnarono moltissimo e furono anche entusiasmanti, per quanto si fosse costantemente sotto stress dato che, oltre alle mie operazioni che curavo “in toto”, avevamo una redazione giornalistica televisiva che quotidianamente doveva realizzare servizi ed interviste istituzionali che andavano immessi in giornata nel circuito nazionale, una redazione per il cartaceo e … e bisognava comunque trovare gli spazi per tutti quei servizi e spot e quant’altro che giornalmente ci trovavamo a dover realizzare. Per fortuna con noi lavoravano alcuni ottimi giornalisti e della trasmissione “amministratori e cittadini” che andava in onda 6 giorni su 7 si occupava quasi esclusivamente Ivano. Era uno strano rapporto il nostro, basato, si può dire, sulla consapevolezza di essere per molti versi l’uno il contrario dell’altro, accomunati solo dal voler raggiungere gli obiettivi che ci proponevamo dal gusto della strategia e della tattica. Peccato che per lui, come ripeteva spesso, il fine giustificasse qualunque mezzo. Nonostante si fosse deontologicamente e dichiaratamente agli antipodi ci stimavamo, forse proprio per quella schiettezza nel confrontarci – che risaltava in un ambiente particolarmente ipocrita e zeppo di personaggi meschini e voltagabbana … politici compresi (e quei politici erano sicuramente migliori di quelli odierni). Comunque, incredibilmente, sul lavoro formavamo un’ottima squadra. Alla lunga, però, alcuni suoi comportamenti divennero insostenibili (ad esempio il fatto che non tenesse fede agli impegni economici con i professionisti che magari ero stato io a scegliere e coinvolgere e dirigere). Prima di andarmene assunsi (come commerciale) Giancarlo Costanzi … ne nacque un rapporto che sarebbe durato 25 anni. 

Io e Ivano ci incontrammo di nuovo tantissimi anni dopo. Mi chiamò, nel momento del suo declino, chiedendomi di andare a proporre (credo proprio all’ACEA) una nuova campagna promozionale. Andai, inventai e proposi. Selli non si fece più sentire, seppi da altri che la cifra che il potenziale cliente era disposto a spendere, era ritenuta troppo esigua da I. Selli… i tempi erano cambiati.”

da “Vita d’artista” – Intervista ad Alessandro Pultrone – cinetvnews.com 

Tra i soggetti, le sceneggiature, i programmi, i progetti, ecc.  ideati e proposti (solo in parte realizzati) per e con la Tele Service Italiana nei primi mesi: Spot video per A.C.E.A. (giugno 85); programma “Storia dell’Educazione attraverso le immagini” a cura del Prof. Manacorda per Lanfranco Trincia D.S.E. RAI , idea e soggetti di puntata per le sue fiction: “Un pò per gioco ed un pò’ per Arianna“, “cronaca Jeans”*, “Interviste in zona x”*, “Il traghetto dei sogni”*, d il soggetto dello sceneggiato “Nicotera Amleto” Per dott. Tozzi e Maccagni della S.A.C.I.S., progetto “Facciamo la tv” per IX ripartizione del Comune di Roma “Città come scuola” (tutto nel luglio ’86); trasmissione settimanale “Almanacco di Teatro e arti visive” per gli Ass.ti Cultura di comune e Regione, programma in 6 puntate “Realtà progetto Anziani” per Servizi Sociali Comune di Roma, sigla trasmissione “Cuore di Roma”, Promos “Pasquino”, promos “Agenzia”, serie documentari “Musei e Pinacoteche Italiani” per E.N.I.T., e similari per gli enti regionali (tutto da agosto a settembre); ideazione e realizzazione grafica “segnAgenda”, revisione spot SIP,  progetto servizi e redazionali per Giochi della Gioventù per Sen. Maravalle, proposta programma TV nazionale con scaletta di 6 puntate di una “Rubrica Alimentare” per Gruppo Promozioni, ideazione di trasmissione di satira politica per Paolo Moroni, trasmissione promozionale e conoscitiva (prime 6 puntate) “Come arriva…” per Ass. Commercio Alimentare consegnato Assessore Natalini, Ideazione e prima stesura di un fascicolo più gioco da tavolo sulla “Sicurezza stradale” per A.C.I. e Ministero (poi verrà commissionato uno spot dagli enti locali), ideazione e realizzazione cartoons promozionali”I giovani nelle imprese artigiane” per Ass.to Industria e artigianato Reg. Lazio, proposta e collaborazione alla realizzazione di “Testimonianze  sulla resistenza nel Lazio” di Giancarlo Visentin – farà anche il manifesto del convegno che accompagnerà la presentazione e le immagini della sigla- (tutto nell’ottobre ’85); ecc.

Una delle ultime realizzazioni di Alessandro Pultrone per la  TSI fu l’Istallazione video Expo tevere Roma (1986 “Expo e intro arte”)

* Le fiction in oggetto erano rielaborazioni di proposte e soggetti che A.P. aveva scritto in precedenza

La redazione

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestEmail this to someone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>